Passa ai contenuti principali

Poliamore

[0] E se un pastore fosse poliamoroso? La sfida della rev. Elder Rachelle Brown, Responsabile Mondale “ad interim” della MCC


Faccio i migliori auguri alla pastora anziana Rachelle Brown, ed alla sua famiglia.


Mi permetto però di attirare l'attenzione su una cosa che ella stessa confessa:


“Ero davvero pessima in tutte le relazioni monogame che inanellavo una dopo l’altra. Era davvero molto doloroso: un continuo fallimento. Ogni volta che ci provavo, le facevo terribilmente saltare in aria. E in mezzo a tutto questi movimenti sociali che si battono per i matrimoni egualitari pensavo cose tipo: Non è roba per me.
Ma invece di sentirmi moralmente fallita come ministro di culto, ho iniziato a esplorare“.


Ora, questa difficoltà a gestire le relazioni diadiche, ma felicità in relazioni triadiche, è stata interpretata come dimostrazione di tendenze poliamorose; viene però il dubbio che la difficoltà di gestire una relazione a due sia invece dovuta alla difficoltà ad amare in una persona sia il bene che il male che la compone, cosa che induce ad idealizzarla e svalutarla alternativamente.

Persone così si trovano meglio con relazioni a tre, perché uno dei due partner si trova a fare il "buono" e l'altro il "cattivo", alternando magari i ruoli nel tempo, e così la relazione diventa stabile.


In alcuni casi queste persone hanno davvero bisogno di due psicoterapeuti, in modo che possano essere idealizzati e vituperati insieme, e l'alleanza terapeutica regga.


Non voglio essere contro le persone poliamorose, e non posso giudicare una persona che non ho mai incontrato - ma diffiderei di una persona che fatica a tenere in piedi una relazione diadica.
Raffaele Yona Ladu
Ebre* gendervague







Commenti

Post popolari in questo blog

Per Politesse e Desiderabili

Ciao a tutt*.
Avevo promesso alla conferenza di Desiderabili su Vita indipendente, autodeterminazione ed affettività di parlare un po' di autismo e sindrome di Asperger, condizione che mi è stata diagnosticata lo scorso 28/09/2016.
Una breve descrizione della sindrome (tarata su* bambin*, più che su* adult*) la si trova qui; nelle donne la sindrome ha delle peculiarità che la rendono più difficile da diagnosticare, e le trovate qua - curiosamente mi ritrovo più in questa lista che nella precedente.
Ci sono numerose associazioni che si occupano di autismo e/o sindrome di Asperger (ora ribattezzata "autismo ad alto funzionamento" o "disturbo dello spettro autistico") - il Coordinamento Autismo Veneto, fondato nel Marzo 2016, ne raggruppa attualmente 19.
La più attiva anche a livello nazionale è l'ANGSA; io sono iscritto al Gruppo Asperger Veneto - sta creandosi una sezione veronese che si preoccuperà soprattutto di trovare lavoro alle persone Asperger.
Esse …

Menomazione, disabilità, handicap - e Gesù Cristo

Mentre facevo la coda in farmacia, stavo leggendo il libro “The Disabled God : Toward a Liberatory Theology of Disability / Nancy L. Eiesland ; Foredowrd by Rebecca S. Chopp”, di cui ho citato un brano qui.
Un signore mi ha chiesto che libro leggessi, e gli ho tradotto il titolo: “Il Dio disabile : Verso una Teologia della Liberazione della Disabilità”.
“Dio Disabile?”, ha chiesto il signore, ed ho spiegato: “Il libro parla di Gesù Cristo. L’autrice ricorda quando Gesù apparve a Tommaso mostrandogli le piaghe sulle mani e sul costato” (Giovanni 20:27).
“Sì, ma Gesù era abile, abile! Prima di apparire piagato era apparso intero!”
Io non ho voluto proseguire il discorso. Credo però che il signore, come molte altre persone simili a lui, avesse delle idee profondamente sbagliate sulla disabilità e perfino sul cristianesimo.
Per quanto riguarda la disabilità, credo che sia il caso di imparare tre termini utili:
Menomazione; Disabilità; Handicap.
La menomazione è ciò di cui sono d…

Dioniso e gravidanza in FtM

Non c'è rosa senza spine, non c'era governo senza Andreotti, non c'è trans senza TERF.
Una di loro ha sostenuto che se un uomo trans FtM approfitta del non aver subìto la riassegnazione chirurgica genitale per portare in grembo e partorire il figlio biologico del* propri* parner (che può essere un uomo cis oppure una donna trans MtF che non ha subìto nemmeno lei la riassegnazione chirurgica genitale), questa compie un'operazione di stampo patriarcale come quella rappresentata dal mito della nascita di Dioniso.
Non sono in grado di rintracciare le fonti originali citate - mi accontento di quello che dice l'enciclopedia Treccani online, che dice di lui:
"Dioniso (gr. Διόνυσος) Una delle grandi divinità dell’Olimpo greco. Nacque da Zeus e da Semele, figlia di Cadmo. Si narrava che questa, per volontà sua o per fraudolento consiglio di Era, avesse chiesto a Zeus di apparirle in tutto il suo splendore, ma rimase incenerita dalla visione del fulmine di Zeus. D.,…