Passa ai contenuti principali

Poliamore

[0] E se un pastore fosse poliamoroso? La sfida della rev. Elder Rachelle Brown, Responsabile Mondale “ad interim” della MCC


Faccio i migliori auguri alla pastora anziana Rachelle Brown, ed alla sua famiglia.


Mi permetto però di attirare l'attenzione su una cosa che ella stessa confessa:


“Ero davvero pessima in tutte le relazioni monogame che inanellavo una dopo l’altra. Era davvero molto doloroso: un continuo fallimento. Ogni volta che ci provavo, le facevo terribilmente saltare in aria. E in mezzo a tutto questi movimenti sociali che si battono per i matrimoni egualitari pensavo cose tipo: Non è roba per me.
Ma invece di sentirmi moralmente fallita come ministro di culto, ho iniziato a esplorare“.


Ora, questa difficoltà a gestire le relazioni diadiche, ma felicità in relazioni triadiche, è stata interpretata come dimostrazione di tendenze poliamorose; viene però il dubbio che la difficoltà di gestire una relazione a due sia invece dovuta alla difficoltà ad amare in una persona sia il bene che il male che la compone, cosa che induce ad idealizzarla e svalutarla alternativamente.

Persone così si trovano meglio con relazioni a tre, perché uno dei due partner si trova a fare il "buono" e l'altro il "cattivo", alternando magari i ruoli nel tempo, e così la relazione diventa stabile.


In alcuni casi queste persone hanno davvero bisogno di due psicoterapeuti, in modo che possano essere idealizzati e vituperati insieme, e l'alleanza terapeutica regga.


Non voglio essere contro le persone poliamorose, e non posso giudicare una persona che non ho mai incontrato - ma diffiderei di una persona che fatica a tenere in piedi una relazione diadica.
Raffaele Yona Ladu
Ebre* gendervague







Commenti

Post popolari in questo blog

Etica sessuale

Un amico mi ha detto che alcune differenze di opinioni che abbiamo sulle questioni di sessualità e genere potrebbero essere dovute alle nostre diverse esperienze di vita.
Io gli ho risposto che mi esprimo meglio per iscritto che a voce, soprattutto in queste cose, e perciò avrebbe letto l'esposizione delle mie idee – questa - sul blog.
Io vorrei partire da due principi etici che ritengo fondamentali.
Il primo è noto come “La regola aurea”, nota in molte culture del mondo, e di cui la versione ebraica attribuita a rav Hillel il Vecchio (vissuto un secolo prima di Gesù) e riportata nel Talmud (bShabbat 31a) recita così:
“Quello che ti è sgradito al tuo prossimo non lo fare. Questa è tutta la Torah, il resto è commento. Va’ e studia”.
La prima frase sembra ovvia: non devi nuocere al tuo prossimo. Conseguenza un po’ meno ovvia è che non devi vietare quello che non fa male a nessuno, perché limiteresti la libertà del tuo prossimo senza motivo, nuocendogli.
La frase “Va’ e studia…

Per Politesse e Desiderabili

Ciao a tutt*.
Avevo promesso alla conferenza di Desiderabili su Vita indipendente, autodeterminazione ed affettività di parlare un po' di autismo e sindrome di Asperger, condizione che mi è stata diagnosticata lo scorso 28/09/2016.
Una breve descrizione della sindrome (tarata su* bambin*, più che su* adult*) la si trova qui; nelle donne la sindrome ha delle peculiarità che la rendono più difficile da diagnosticare, e le trovate qua - curiosamente mi ritrovo più in questa lista che nella precedente.
Ci sono numerose associazioni che si occupano di autismo e/o sindrome di Asperger (ora ribattezzata "autismo ad alto funzionamento" o "disturbo dello spettro autistico") - il Coordinamento Autismo Veneto, fondato nel Marzo 2016, ne raggruppa attualmente 19.
La più attiva anche a livello nazionale è l'ANGSA; io sono iscritto al Gruppo Asperger Veneto - sta creandosi una sezione veronese che si preoccuperà soprattutto di trovare lavoro alle persone Asperger.
Esse …

Coming out

ITA ENG Mi è stato cortesemente chiesto di rientrare nel gruppo WhatsApp della Chiesa Valdese di Verona (Italia), in quanto la mia condizione di “genderfluid” non è affatto incompatibile con la frequentazione del gruppo e della chiesa, pur essendo tutti consapevoli che io sono un ebreo umanista, apprezzo la Chiesa valdese, ed ho appoggiato mia moglie quando ha voluto essere confermata in essa, ma nel futuro prevedibile non intendo farne parte. I have been kindly asked to rejoin the WhatsApp group of the Waldensian Church in Verona (Italy), as my “genderfluid” condition is by no means incompatible with group membership and church attending, even though everybody is fully aware that I am a Humanistic Jew, I appreciate the Waldensian Church very much, I supported my wife when she wanted to be confirmed into it, but I am not joining it for the foreseeable future. Mi è stato chiesto inoltre di rendere testimonianza della mia condizione, in italiano ed in inglese, da…