Passa ai contenuti principali

Kénosi e passivazione


Dopo la conversazione di cui riferisco qui, ho ripensato al concetto di "kénosis = svuotamento", con cui i teologi cristiani riassumono ciò che esprime Filippesi 2:5-11, ovvero che Gesù, per compiere la sua missione salvifica, dovette svuotarsi per diventare esteriormente simile agli uomini, ed umiliarsi fino alla morte di croce.

Sono un appassionato di fantascienza, e tra le cose che ho dovuto imparare per scrivere il racconto "Precursori" c'è il concetto di "passivazione".

Quando un satellite giunge al termine della sua missione non lo si può abbandonare a se stesso - rischia di diventare un relitto che ostacola la navigazione spaziale ed insidia il pacifico orbitare degli altri satelliti.

Le possibilità sono due: l'autodistruzione e la passivazione.

Nell'autodistruzione si frena il satellite in modo che precipiti sul pianeta e vaporizzi penetrando nell'atmosfera. Questo genere di frenata richiede molto carburante, e normalmente lo si fa solo sui satelliti che orbitano intorno ad altri pianeti - la vaporizzazione distrugge eventuali forme di vita terrestri presenti nel satellite, e previene la contaminazione del pianeta.

Un modo più economico, ma che richiede una manovra delicata, è quello di spostare il satellite su un'"orbita cimitero", lontana dalle orbite dei satelliti attivi, ed una volta lì procedere alla "passivazione" del satellite, ovvero allo svuotamento delle sue fonti di energia: se c'è ancora carburante, viene espulso; se ci sono delle batterie, vengono cortocircuitate perché si scarichino. Questo per non rischiare che le energie residue del satellite inneschino esplosioni che creano detriti e possono danneggiare satelliti attivi.

Potremmo spiegare la "kénosis" di Gesù come un tipo particolare di "passivazione", in cui lui ha inibito ciò che era divino in sè e che poteva interferire con la sua missione, in previsione della sua morte salvifica.

Mentre però in un satellite la "passivazione" è definitiva, in Gesù dopo la morte c'è stata un'"attivazione" di ciò che prima era stato "passivato", consentendogli la risurrezione e ciò che il Credo riferisce ed annuncia.

Inoltre, mentre in un satellite la "passivazione" è al termine della missione, in Gesù ne è stata la premessa, in quanto dall'incarnazione alla morte la sua missione è stata un preparare la propria morte salvifica.

Un esempio di "stultitia crucis", direbbe il responsabile di una missione spaziale.

Raffaele Yona Ladu
Ebre* umanista gendervague

Commenti

Post popolari in questo blog

Per Politesse e Desiderabili

Ciao a tutt*.
Avevo promesso alla conferenza di Desiderabili su Vita indipendente, autodeterminazione ed affettività di parlare un po' di autismo e sindrome di Asperger, condizione che mi è stata diagnosticata lo scorso 28/09/2016.
Una breve descrizione della sindrome (tarata su* bambin*, più che su* adult*) la si trova qui; nelle donne la sindrome ha delle peculiarità che la rendono più difficile da diagnosticare, e le trovate qua - curiosamente mi ritrovo più in questa lista che nella precedente.
Ci sono numerose associazioni che si occupano di autismo e/o sindrome di Asperger (ora ribattezzata "autismo ad alto funzionamento" o "disturbo dello spettro autistico") - il Coordinamento Autismo Veneto, fondato nel Marzo 2016, ne raggruppa attualmente 19.
La più attiva anche a livello nazionale è l'ANGSA; io sono iscritto al Gruppo Asperger Veneto - sta creandosi una sezione veronese che si preoccuperà soprattutto di trovare lavoro alle persone Asperger.
Esse …

Menomazione, disabilità, handicap - e Gesù Cristo

Mentre facevo la coda in farmacia, stavo leggendo il libro “The Disabled God : Toward a Liberatory Theology of Disability / Nancy L. Eiesland ; Foredowrd by Rebecca S. Chopp”, di cui ho citato un brano qui.
Un signore mi ha chiesto che libro leggessi, e gli ho tradotto il titolo: “Il Dio disabile : Verso una Teologia della Liberazione della Disabilità”.
“Dio Disabile?”, ha chiesto il signore, ed ho spiegato: “Il libro parla di Gesù Cristo. L’autrice ricorda quando Gesù apparve a Tommaso mostrandogli le piaghe sulle mani e sul costato” (Giovanni 20:27).
“Sì, ma Gesù era abile, abile! Prima di apparire piagato era apparso intero!”
Io non ho voluto proseguire il discorso. Credo però che il signore, come molte altre persone simili a lui, avesse delle idee profondamente sbagliate sulla disabilità e perfino sul cristianesimo.
Per quanto riguarda la disabilità, credo che sia il caso di imparare tre termini utili:
Menomazione; Disabilità; Handicap.
La menomazione è ciò di cui sono d…

Dioniso e gravidanza in FtM

Non c'è rosa senza spine, non c'era governo senza Andreotti, non c'è trans senza TERF.
Una di loro ha sostenuto che se un uomo trans FtM approfitta del non aver subìto la riassegnazione chirurgica genitale per portare in grembo e partorire il figlio biologico del* propri* parner (che può essere un uomo cis oppure una donna trans MtF che non ha subìto nemmeno lei la riassegnazione chirurgica genitale), questa compie un'operazione di stampo patriarcale come quella rappresentata dal mito della nascita di Dioniso.
Non sono in grado di rintracciare le fonti originali citate - mi accontento di quello che dice l'enciclopedia Treccani online, che dice di lui:
"Dioniso (gr. Διόνυσος) Una delle grandi divinità dell’Olimpo greco. Nacque da Zeus e da Semele, figlia di Cadmo. Si narrava che questa, per volontà sua o per fraudolento consiglio di Era, avesse chiesto a Zeus di apparirle in tutto il suo splendore, ma rimase incenerita dalla visione del fulmine di Zeus. D.,…