Passa ai contenuti principali

Da "The Disabled God. Towards a Liberatory Theology of Disability / Nancy L. Eiesland ; Foreword by Rebecca S. Chopp"


Ricordo che non sono cristiano, ma l'autrice spiega molto bene i problemi che occorre affrontare per una teologia della disabilità, qualunque sia il quadro di riferimento, quindi mi permetto di tradurre le pagine 22-23 del libro.

(inizio)

La correlazione critica della prassi di Chopp si impegna in una strategia che avanza attraverso l'intreccio tra ciò che è già noto al teologo e l'impegno attivo insieme con le persone che insegnano loro a rivedere le loro teorie, etichette, e descrizioni della realtà. Chopp identifica lo scopo della correlazione critica della prassi come una trasformazione emancipatrice dell'ordine socio-simbolico, che include le pratiche ed i principi dominanti del linguaggio, della soggettività, e della politica. Tra i momenti di questo metodo ci sono una deideologizzazione delle scritture, un'interpretazione pragmatica dell'esperienza, una teoria critica dell'emancipazione e dell'illuminismo, ed una teoria sociale che trasformi la prassi. Questa teologia della liberazione della disabilità include un deliberato riconoscimento dell'esperienza vissuta delle persone con disabilità, un'analisi critica di una teoria sociale della disabilità e di certi aspetti delle pratiche istituzionali della chiesa e della teologia cristiana, e la proclamazione della trasformazione emancipatrice.

Chopp invoca la corporeità od incarnazione nella sua formulazione della trasformazione emancipatrice, posando le fondamenta per l'identificazione del corpo come un luogo di riflessione teologica. A meno che la nozione di incarnazione non sia deliberatamente decostruita, le norme culturali del "corpo così come è naturale" si infiltrano nel sottotesto. Nel mio uso del metodo teologico delineato da Chopp, mi concentro sulla "croce e delizia" del corpo nell'esperienza reale e vissuta delle persone con disabilità ed esplicitamente decostruisco ogni norma che sia parte dell'agenda inespressa della "normale incarnazione". Il mio proprio corpo, composto com'è di plastica e di metallo, così come di carne ed ossa, è il mio punto di partenza per parlare di "corpi di ossa e tutori" come norma di incarnazione.

Il corpo è cruciale sia per l'ordine microcosmico che per quello macrocosmico della società. Il teorico della sociologia Bryan S. Turner scrive: "Il corpo è il veicolo per esprimere se stessi ed il bersaglio dei rituali di degradazione dell'esclusione sociale". Perciò è necessario porre deliberata attenzione al corpo fisico per impedirgli di essere socialmente cancellato o sussunto in nozioni di incarnazione normale. Un metodo teologico accessibile ha bisogno che il corpo sia rappresentato come carne e sangue, ossa e tutori, e non sia semplicemente il campo razionalizzato della nostra azione.

Il secondo punto in agenda nell'accesso a due vie è scoprire un mezzo con cui la chiesa può ottenere l'accesso alla vita socio-simbolica delle persone con disabilità. Qui ricorro alla fenomenologia del simbolismo di Paul Ricoeur. Un accesso a due vie esige che la tradizione cristiana riconosca l'esperienza vissuta delle persone con disabilità e che le persone con disabilità siano capaci di riconoscere i simboli della tradizione cristiana, non come cose che incombono per opprimerci, ma come parte della nostra storia nascosta. Ricoeur afferma che tra il rifiuto e l'accettazione acritica dei simbili e dei miti c'è un terzo modello, che indica con l'aforisma: "Il simbolo dà origine al pensiero". Egli afferma che "la meditazione sui simboli parte da un discorso che è già stato pronunciato ed in cui ogni cosa è già stata detta in qualche modo". Allora, il compito della sua fenomenologia non è lo zoomare la storia facendone un simbolo generico universale, ma ricordare ciò che è stato già simbolizzato e quanto sono complessi quei simboli. L'approccio fenomenologico ben fatto è legato al tempo e può gettare un ponte con ciò che è fisico.

In questo progetto, il momento storico del memoriale è incarnato in Gesù Cristo, il Dio disabile, presente nella risurrezione e nella chiesa, e nuovamente spezzato in ogni riattualizzazione eucaristica. Il simbolo di Gesù Cristo, il Dio disabile, è tanto un dono che una enigma, e consente un accesso a due vie attraverso il suo corpo spezzato. La dissonanza che si crea non accettando le persone con disabilità, ma accettando la grazia attraverso il corpo spezzato di Cristo esige che la chiesa trovi nuovi modi di interpretare la disabilità. Quest'opera identifica le stesse narrazioni delle persone con disabilità come il punto di partenza. Questi racconti ci parlano delle vite ordinarie di persone con corpi non convenzionali.

(fine)

L'autrice è nata nel 1964, ha pubblicato il libro nel 1994, ed è purtroppo mancata nel 2009; se ne può leggere il necrologio del New York Times qui.

Raffaele Yona Ladu
Ebre* umanista gendervague

Commenti

Post popolari in questo blog

Etica sessuale

Un amico mi ha detto che alcune differenze di opinioni che abbiamo sulle questioni di sessualità e genere potrebbero essere dovute alle nostre diverse esperienze di vita.
Io gli ho risposto che mi esprimo meglio per iscritto che a voce, soprattutto in queste cose, e perciò avrebbe letto l'esposizione delle mie idee – questa - sul blog.
Io vorrei partire da due principi etici che ritengo fondamentali.
Il primo è noto come “La regola aurea”, nota in molte culture del mondo, e di cui la versione ebraica attribuita a rav Hillel il Vecchio (vissuto un secolo prima di Gesù) e riportata nel Talmud (bShabbat 31a) recita così:
“Quello che ti è sgradito al tuo prossimo non lo fare. Questa è tutta la Torah, il resto è commento. Va’ e studia”.
La prima frase sembra ovvia: non devi nuocere al tuo prossimo. Conseguenza un po’ meno ovvia è che non devi vietare quello che non fa male a nessuno, perché limiteresti la libertà del tuo prossimo senza motivo, nuocendogli.
La frase “Va’ e studia…

Per Politesse e Desiderabili

Ciao a tutt*.
Avevo promesso alla conferenza di Desiderabili su Vita indipendente, autodeterminazione ed affettività di parlare un po' di autismo e sindrome di Asperger, condizione che mi è stata diagnosticata lo scorso 28/09/2016.
Una breve descrizione della sindrome (tarata su* bambin*, più che su* adult*) la si trova qui; nelle donne la sindrome ha delle peculiarità che la rendono più difficile da diagnosticare, e le trovate qua - curiosamente mi ritrovo più in questa lista che nella precedente.
Ci sono numerose associazioni che si occupano di autismo e/o sindrome di Asperger (ora ribattezzata "autismo ad alto funzionamento" o "disturbo dello spettro autistico") - il Coordinamento Autismo Veneto, fondato nel Marzo 2016, ne raggruppa attualmente 19.
La più attiva anche a livello nazionale è l'ANGSA; io sono iscritto al Gruppo Asperger Veneto - sta creandosi una sezione veronese che si preoccuperà soprattutto di trovare lavoro alle persone Asperger.
Esse …

Coming out

ITA ENG Mi è stato cortesemente chiesto di rientrare nel gruppo WhatsApp della Chiesa Valdese di Verona (Italia), in quanto la mia condizione di “genderfluid” non è affatto incompatibile con la frequentazione del gruppo e della chiesa, pur essendo tutti consapevoli che io sono un ebreo umanista, apprezzo la Chiesa valdese, ed ho appoggiato mia moglie quando ha voluto essere confermata in essa, ma nel futuro prevedibile non intendo farne parte. I have been kindly asked to rejoin the WhatsApp group of the Waldensian Church in Verona (Italy), as my “genderfluid” condition is by no means incompatible with group membership and church attending, even though everybody is fully aware that I am a Humanistic Jew, I appreciate the Waldensian Church very much, I supported my wife when she wanted to be confirmed into it, but I am not joining it for the foreseeable future. Mi è stato chiesto inoltre di rendere testimonianza della mia condizione, in italiano ed in inglese, da…